Category Archive: Recensioni

mar 05

Franco Baggiani – Mechanical Visions

copertina

La poliedrica personalità del trombettista toscano Franco Baggiani non conosce limiti. Dal funk alle atmosfere magiche della musica di Miles degli anni `70, dall’etno di matrice araba all’avanguardia, non c’è niente che venga risparmiato quando la sua mente creativa entra in fibrillazione. Su quest`ultima incisione è in duo insieme al batterista Mirko Sabatini, anche lui …

Continua la lettura »

mar 03

Stuart Popejoy – Pleonid

783

Dal New Mexico, e precisamente da Albuquerque, arriva Stuart Popejoy, ora residente a Brooklyn, NY. Oltre a suonare il basso elettrico è un prolifico compositore di musiche che esegue con i soui gruppi. Per il quintetto in questione, insieme a Avram Fefer al sax alto, Steve Swell al trombone, Sarah Bernstein al violino e Kenny …

Continua la lettura »

mar 01

Baron Tymas – Montréal

droppedImage

Il chitarrista Baron Tymas nell’ambito dell’esperienza alla Concordia University di Montreal come Fullbright Fellow ha inciso questo album insieme a musicisti della città canadese, un bell’esempio di mainstream contemporaneo che abbraccia tante influenze dei colleghi più noti. I brani sono stati scritti ispirandosi ai colori ed alle atmosfere della città che lo ha ospitato, qualcuno …

Continua la lettura »

feb 28

Dave Soldier – The Eight Hour of Amduat

DaveSoldier.jpg

Un musicista e compositore come l’americano Dave Soldier è a suo agio in tante forme musicali, dal rock al jazz all’avanguardia alla lirica, per cui non sorprende questo progetto crossover in cui troviamo gli archi ed il sassofono contralto di Marshall Allen (un monumento del free fin dagli anni ’60 insieme a Sun Ra), la …

Continua la lettura »

feb 27

Loz Speyer`s Inner Space – Life on the Edge

782

Con i suoi capelli bianchi il trombettista inglese Loz Speyer ci ricorda che è un musicista navigato che ha lavorato con tante band inglesi girando per l’isola ed incidendo ogni tanto anche in proprio. Con questa nuova band, Inner Space, ha deciso di esplorare sistuazioni sonore in cui si rinuncia ad uno strumento armonico,. Oltre …

Continua la lettura »

feb 26

Rosario Bonaccorso – A Beautiful Story

cover-a-beautiful

  Il contrabbassista Rosario Bonaccorso ritorna in studio, il prestigioso Artesuono di Stefano Amerio, con il suo nuovo quartetto insieme a Dino Rubino al flicorno, Enrico Zanisi al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria. Presenta dodici composizioni a propria firma in cui esplora una storia fatta di di episodi lenti e meditativi, espresse con melodie …

Continua la lettura »

feb 25

Luke Sellick – Alchemist

Alchemist cover idea 006

Il giovane contrabbassista canadese, ventisei anni, Luke Sellick risiede ormai a New York dove lavora con regolarità con musicisti del calibro del chitarrista Russel Malone. Su questa incisione presenta soltanto sue composizioni accompagnato da dei sidemen di tutto rispetto. Intorno alla ritmica insieme a Adam Birnbaum al pianoforte, Andrew Renfroe alla chitarra e Kush Abadey …

Continua la lettura »

feb 21

Ensemble 5 – Live featuring Elliot Levin

784

Dopo l’esperienza con il Collective Quartet il batterista svizzero Heinz Geisser ha continuato a lavorare con il Ensemble 5, una band di connazionali che in cui musicisti di diverse generazioni apportano il loro contributo per creare una musica che si ispira al free. La loro è un’avanguardia comunicativa, in cui anche elementi bop trovano posto, …

Continua la lettura »

feb 20

Jacopo Ferrazza Trio – Rebirth

rebirth-cover

La Cam Jazz ha una sua collana in cui pubblica lavori di musicisti giovani, come questo esordio del contrabbassista Jacopo Ferrazza, in trio insieme al chitarrista elettrico Stefano Carbonelli ed a Valerio Vantaggio alla batteria. Il jazz italiano cresce, come si può notare nei cataloghi delle varie case discografiche sparse per la Penisola, e questo …

Continua la lettura »

feb 19

Frank Gratkowski / Simon Nabatov – Mirthful Myths

785

Nel lontano 1986 il pianista russo Simon Nabatov, allora residente a New York, si trovò in Germania per un tour e il caso lo portò a dormire, si fa per dire, in una stanza accanto alla quale si esercitava un gruppo di improvvisatori, fra cui c’era anche Frank Gratkowski (qui al sax alto, al clarinetto …

Continua la lettura »

Post precedenti «